,

I principali Ponti di Venezia

ponti di venezia

I Ponti di Venezia: storia e leggende fra terra e acqua

Il turista che arriva a Venezia entra subito in contatto con un elemento che caratterizza la fisionomia di questa splendida e particolare città, Patrimonio dell’Umanità: i ponti di Venezia.

I ponti di Venezia sono oltre 400, tra pubblici e privati, senza contare le isole come la Giudecca, Murano, Burano e Torcello. In città, si possono attraversare ponti di tre materiali diversi: legno, pietra e ferro.  Originariamente i ponti non erano così numerosi, ed erano piatti e di legno, più simili a delle passerelle, che consentivano a carrozze e cavalli di transitare facilmente fra un’isoletta e l’altra.

I principali ponti a Venezia

Il primo ponte di legno fu quello di Rialto nel 813, data in cui vi fu trasferita la sede ducale. Antico e maestoso, il ponte di Rialto è testimone della storia commerciale di Venezia. Dopo vari incendi e crolli improvvisi della struttura, nel 1591 venne terminata la solida costruzione in Pietra d’Istria.

ponti di veneziaUn altro ponte degno di nota è il Ponte della Paglia, costruito nel 1337. Largo e dai gradini bassi, collega il sestiere di San Marco con quello di Castello, ed è protagonista di una famosa leggenda veneziana, che narra dell’incontro fra un naufrago e i tre santi, San Marco, San Giorgio e San Nicolò, e del loro provvidenziale aiuto contro una nave carica di spiriti malvagi.

Tappa rituale per i turisti, da questo ponte si gode di bellissimi tramonti con la Basilica della Salute sullo sfondo e di un’ottima vista sul Ponte dei Sospiri, sospeso fra Palazzo Ducale e il Palazzo delle Prigioni.

 

Il Ponte dei Sospiri invece, pare sia stato progettato in modo da evitare il fuggire dei prigionieri che transitavano dalla Magistratura alla prigione. Le due piccole feritoie erano l’unico spiraglio da cui ammirare l’esterno, sospirando appunto, di rassegnazione.

Fra i ponti più frequentati e attraversati dai turisti, c’è il Ponte degli Scalzi, grande costruzione in pietra che soprassiede il Canal Grande, proprio davanti alla stazione ferroviaria Santa Lucia. Vicino ad esso, sempre costruito in pietra, c’è anche il Ponte delle Guglie, che deve il suo nome ai quattro obelischi che ne decorano i parapetto.

ponti di veneziaMolti dei ponti veneziani, anticamente, non avevano parapetto. Su questi ponti si consumavano feroci lotte fra abitanti dei diversi sestieri, liti che sfociavano in “botte da orbi”, dove i perdenti cadevano dritti nelle acque del canale sottostante. A memoria di tali duelli, che durarono fino al 1705, esistono il Ponte della Guerra, tra San Marco e Campo Santa Maria Formosa e il Ponte dei Pugni, a San Barnaba.

Un altro antico ponte che porta con sé storie misteriose è il Ponte di San Lorenzo, dal quale,nel 1369, cadde il Reliquiario d’argento della Santissima Croce, che invece di affondare rimase miracolosamente a galla, finchè il sacerdote non si tuffò per recuperarla. Anche il Ponte del Diavolo tramanda un’oscura leggenda, sembra infatti che lo stesso ponte sia stato costruito dal demonio in persona.

Moltissimi sono i ponti a Venezia che racchiudono storia, leggende e misteri e che merita conoscere per goderne l’arte e la storia durante una visita a Venezia.

Visitare Venezia è più semplice ed economico durante il soggiorno a Jesolo, approfittando della convenzione che offriamo ai nostri ospiti sui pacchetti offerta per il trasferimento in giornata.

Per ogni ulteriore informazione non esitate a contattarci inviandoci una email dal nostro modulo contatti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *