,

I dolci tradizionali del Carnevale di Venezia

dolci della cucina veneta: le fritole

Fritole, galani, castagnole:

nel periodo dello Storico Carnevale di Venezia le vetrine imbandite, zeppe di queste tipiche meraviglie dolci vi ruberanno gli occhi, e non solo!

Se vi trovate a Venezia durante il carnevale è impossibile che resistiate alla tentazione di assaggiare quello che per secoli è stato considerato il dolce nazionale della Repubblica Serenissima.

Durante i festeggiamenti del carnevale il profumo dolcissimo e inebriante riempie le calli di Venezia, conquistando i turisti ma anche i veneziani DOC. Queste tipicità della Serenissima soddisfano davvero tutti i palati.

Provatele e non potrete più farne a meno!

La Fritola Veneziana

fritoleDiffuse non solo nel veneziano ma in tutto il Veneto, Friuli-Venezia Giulia ed Istria, le dolcissime frittelle,  in dialetto fritole veneziane, sono le protagoniste indiscusse nel periodo del Carnevale.

La ricetta può variare molto a seconda della zona di produzione. Possono essere farcite con mele, semolino, polenta, riso, zucca e creme.

Un tempo venivano impastate con acqua al posto del latte, l’anice sostituiva la grappa e si univano all’impasto anche pinoli o cedro candito e cannella.

 

Rigorosamente fritte e poi spolverate con una buona dose di zucchero, fanno gola proprio a tutti.

La tradizione

Dolce nazionale della Repubblica della Serenissima, le fritole veneziane erano riconosciute in tutto il mondo, ma solo ai fritoleri era permesso produrle.

Infatti, nel corso del XVII secolo, si costituisce addirittura un’associazione: questa garantiva a 70 fritoleri veneziani di esercitare la propria arte in una zona specifica di Venezia e di tramandare l’attività in famiglia. Preservando così la genuinità della tradizione.

Quella dei fritoleri era una categoria prestigiosa. Perfino Carlo Goldoni nel 1755 ne parla nella sua commedia Il Campiello, la cui protagonista, Orsola, era appunto una fritolera.

L’associazione rimane attiva fino alla caduta della Repubblica, ma scompare definitivamente solo alla fine dell’800.

Le fritole venivano preparate e vendute durante i festeggiamenti del Carnevale di Venezia per le calli veneziane in piccole baracche di legno, servite calde, appena fritte.

Ecco come si preparano.

La ricetta

La storia ci racconta che i fritoleri fossero soliti impastare le frittelle, fatte con uova, farina, zucchero, uvetta e pinoli, su grandi tavoli di legno per poi friggerle in enormi padelle con olio, grasso di maiale o burro. Una volta pronte, le fritole venivano cosparse di zucchero e sistemate su grandi piatti decorati.

La ricca storia e tradizione che ci regalano le fritole veneziane in tempo di Carnevale certo è impareggiabile, ma perchè non goderne tutto l’anno, provando a prepararle in casa?

Abbiamo trovato in un libro di antiche ricette di cucina veneziana alcune indicazioni utili per la preparazione e la cottura delle fritole e vogliamo condividerla con voi:

Ingredienti

cucina veneziana

La ricetta tradizionale per fare le fritole veneziane prevede:

⇒ 25gr lievito di birra

⇒ 300gr farina

⇒ 1/4l latte

⇒ 100gr zucchero semolato

⇒ 3 uova

⇒ 50gr burro

⇒ 70gr uva passa

⇒ 30gr pinoli

⇒ buccia di limone

⇒ 2 cucchiai grappa o rum

⇒ sale quanto basta

⇒ olio di semi di arachidi per friggere

 

Procedimento

Questa è la preparazione passo passo, come da tradizione:

Lavare l’uvetta e asciugarla con un panno pulito. Nel frattempo sciogliere il lievito nel latte tiepido e fondere il burro, a bagno maria. Grattugiare la scorza del limone.

In una terrina sufficientemente capiente mettere 50gr di zucchero che verrà amalgamato per bene con le uova. Aggiungere all’impasto ottenuto il burro fuso, il lievito, l’uvetta asciutta, i pinoli, la buccia di limone grattugiata e il rum mescolando piano fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Le nonne consigliano di infarinare l’uvetta umida, affinchè aderisca meglio all’impasto.

Aggiungere la farina poca alla volta e un pizzico di sale. Lavorare vigorosamente l’impasto e lasciarlo riposare un’ora vicino ad una fonte di calore, finché avrà raddoppiato il suo volume.

Infine scaldare bene l’olio. Usando un cucchiaio per darne la forma, friggere le frittelle finché non saranno gonfie e dorate. Scolarle su della carta assorbente e servirle spolverate generosamente con lo zucchero rimasto macinato a velo.

 

carnevale di venezia

Senza dubbio le fritole veneziane sono una prelibatezza da assaggiare in loco. Quale migliore occasione se non una gita nel cuore di Venezia durante il Carnevale!

Molti sono gli eventi in programma durante il Carnevale di Venezia 2017

E ricordatevi che alloggiare a Jesolo è un buon punto di riferimento per visitare il Carnevale di Venezia, con la nostra Offerta Carnevale Venezia 2017 potete risparmiare sul costo del biglietto motonave e parcheggio da Punta Sabbioni a Jesolo.

 

Per saperne di più puoi contattarci al numero +39 0421 961331 o inviarci una mail dalla nostra pagina contatti:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *