,

I borghi più belli d’Italia in Veneto

i borghi più belli d'italia in veneto

Nove dei Borghi più belli d’Italia si trovano qui in Veneto

Regione conosciuta per la incantevole Venezia, offre anche un entroterra di campagna e bellezze pedemontane.

Vi offriamo uno scorcio di alcuni tra i più belli borghi medievali del Veneto, dalla provincia di Belluno a quella di Treviso, passando per i Colli Euganei in provincia di Padova, infine verso il Lago di Garda, in provincia di Verona.

Un itinerario imperdibile nella nostra regione, fra storia, buon cibo e paesaggi da cartolina.

Percorriamo insieme le meraviglie che raccontano questi splendidi Borghi.

Sottoguda

borghi più belli d'italia in venetoALTITUDINE m. 1250 s.l.m. – ABITANTI 1.328 (98 nel borgo) Provincia di Belluno.

Nel cuore delle Dolomiti, troviamo Sottoguda, l’ultimo borgo prima della Marmolada.

Probabile insediamento militare longobardo, è un antico villaggio le cui notizie risalgono al 1260, caratterizzato dai numerosi tabièi, fienili in legno, usati dai contadini per il deposito del fieno e il ricovero del bestiame.

Subito dopo le ultime case inizia la gola dei Serrai di Sottoguda, un canyon di circa due chilometri. Il percorso si snoda fra le rocce e si incrocia con il torrente Pettorina. In inverno, quando le cascate gelando ricoprono le pareti rocciose di uno spesso strato di ghiaccio, la gola diventa luogo di arrampicata su ghiaccio, tra le più apprezzate d’Europa.

Una nuova pista ciclabile di 11 km attraversa tutto il territorio comunale, ma sono tanti gli itinerari possibili a piedi ed in bicicletta.

Cison di Valmarino

borghi più belli d'italia in venetoALTITUDINE m. 700 s.l.m. – ABITANTI 2700 (1050 nel borgo) Provincia di Treviso.

Cison di Valmarino è dominata dal Castello Brandolini d’Adda, oggi Castelbrando, in cima alla collina, che racchiude tra le sue mura circa 2000 anni di storia.

Il castello oggi è uno dei più grandi e funzionali d’Italia e ospita un albergo, ristoranti, un centro benessere, teatri, bar, aree museali, saloni per congressi, concerti ed eventi.

Torrenti immersi nel verde ne fanno una terra da fiaba, ideale per passeggiate ed escursioni a contatto con la natura nel paesaggio prealpino. Offre infatti itinerari percorribili a piedi, in bicicletta e a cavallo. Imperdibile il percorso le Vie dell’Acqua che sale dal centro storico e costeggiando il torrente Rujo si snoda nel bosco per raggiungere loc. Valle di San Daniele, rivelando la presenza di antichi mulini.

Da visitare assolutamente la manifestazione Artigianato Vivo, che coinvolge tutto il paese, per le strade ed i cortili, in un percorso espositivo del migliore artigianato, dal cibo, all’arte, ai mestieri.

Lo spiedo è la specialità di questa zona, accompagnato da contorni quali erbe cotte, fagioli, radicchio di campo, patate.

Follina

borghi più belli d'italia in venetoALTITUDINE m. 200 s.l.m. – ABITANTI 3.880 (600 nel borgo) Provincia di Treviso.

Il nome Follina deriva dalla follatura dei panni lana che si diffuse dal XII secolo grazie ai monaci dell’Abbazia di Santa Maria.

Il paese si trova ai piedi delle Prealpi Trevigiane, tra Vittorio Veneto e Valdobbiadene, nella strada del Prosecco, pregiata zona vinicola della denominazione Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg, dichiarata Città Europea del Vino 2016 e candidata a Patrimonio Unesco.

Quanto la lavorazione della lana fosse parte di Follina lo raccontano alcuni edifici del centro storico, ma a resistere fino ad oggi furono i piccoli lanifici più dinamici come quello avviato nel 1795 da Gaspare Paoletti. Oggi il Lanificio Paoletti è l’unica manifattura rimasta proveniente da una tradizione antichissima, conosciuta e stimata da molti grandi marchi della moda, che ne utilizzano i bellissimi tessuti.

Specialità locale è lo spiedo di carne accompagnato da prodotti del bosco come i funghi, e erbette di campo.

Portobuffolè

borghi più belli d'italia in venetoALTITUDINE m. 8 s.l.m. – ABITANTI 800 (300 nel borgo) Provincia di Treviso.

Portus Buvoledi o Bufoledi, deriva dal latino medievale bova che significa canale.

Dalla piazza si arriva in breve a Casa Gaia, una splendida dimora del Trecento in cui visse la poetessa Gaia da Camino. Si arriva poi al Toresin e a Ponte Friuli, costruito nel 1780 in pietra cotta, in sostituzione del ponte levatoio in legno, sotto il quale un tempo scorrevano le acque del fiume Livenza.

Il Prà dei Gai è il bacino naturale del fiume Livenza in caso di piena, e una grande oasi di verde quando non è inondato. Quando le acque del Livenza tornano lentamente nell’alveo, lasciano uno spessore di limo che rende fertile il terreno. Dal latte delle pecore e delle capre che vi pascolavano, fino a poco tempo fa si otteneva un pregiato formaggio chiamato “Gai”. Oggi è il posto adatto per pic-nic e passeggiate.

Per gli appassionati è da visitare sicuramente il Museo del Ciclismo Alto Livenza, dedicato a Duilio Chiaradia e Giovanni Micheletto.

Gnocchetti al sugo d’anatra, rognone di vitello, risotto al piccione, baccalà, trippa e zuppa matta, a base di zucca, sono i piatti tipici della zona.

Asolo

borghi più belli d'italia in venetoALTITUDINE m. 205 s.l.m. – ABITANTI 8.990 (500 nel borgo) Provincia di Treviso.

Il nome del borgo deriva dal latino asylum, rifugio, privilegiata residenza scelta da chi desiderava vivere in tranquillità, come scelse Eleonora Duse, che qui si ritirò una volta abbandonate le scene.

Asolo è famoso per la fortezza da cui il panorama spazia sul borgo e la natura intorno, nel punto più alto e suggestivo: la Rocca di Asolo. È una fortezza sulla cima al Monte Ricco, e si raggiunge percorrendo i 276 gradini subito dopo Porta Colmarion.

I Colli Asolani sono il punto di partenza per passeggiate ed escursioni intorno alla città, e dal centro storico si diramano diversi itinerari da fare a piedi o in bicicletta.

Nei dintorni sono da vedere grandi capolavori dell’arte italiana: a 5 km Villa Barbaro di Maser, progettata da Andrea Palladio (1550), a 10 km Possagno, con la casa natale e la Gipsoteca dello scultore neoclassico Antonio Canova (1757-1822), lì sepolto e a 5 km la tomba Brion, architettura funeraria di Carlo Scarpa.

La cucina di Asolo è semplice e genuina: risi e bisi, coniglio in tecia, frittata rognosa col salame, soppressa, pollo alla cacciatora e in umido, polenta e costicine e radicchio condito con il lardo. Il tutto accompagnato dal vino Asolo Prosecco Superiore di certificazione Docg.

Arquà Petrarca

borghi più belli d'Italia in venetoALTITUDINE m. 80 s.l.m. – ABITANTI 1860 (415 nel borgo) Provincia di Padova.

Arquà Petrarca è così chiamato perché qui stabilì la sua residenza finale il Petrarca e nel sagrato del paesino si trova la tomba del poeta.

Lungo le rampe che dal paese basso portano a quello alto, si ammirano antiche case in pietra, con lavatoi e abbeveratoi.

Il borgo, immerso tra i Colli Euganei, preserva il suo immutabile fascino medievale. Dai ritrovamenti archeologici di fine ‘800, si è rilevato che il paese ha origini antichissime risalenti all’età del bronzo.

Arquà è inserita nel Parco regionale dei Colli Euganei, in una zona ricca di sentieri e piste ciclabili immersi nel verde, che permettono di raggiungere località panoramiche e silenziose.

Nel comune, si può visitare il Laghetto della Costa, inserito nell’elenco dei siti patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

La casa del Petrarca è visitabile, e conserva intatto lo studio in cui morì il poeta.

Il piatto principe sono i bigoli al ragù, spaghettoni fatti a mano con farina e uova, passati in un torchio e conditi con ragù di manzo, vitello o maiale.

Montagnana

borghi più belli d'italia in venetoALTITUDINE m. 16 s.l.m. – ABITANTI 9.358 (1.028 nel borgo) Provincia di Padova.

Montagnana è una vera e propria città fortificata, circondata da circa 2 km di mura rafforzate da 24 torri.

All’interno della cortina trecentesca, il disegno urbano mantiene l’impronta medievale con vie e portici.

Di fronte alla Villa del Palladio, il castello di San Zeno ha un cortile interno protetto da due torri di vedetta e dal mastio alto 38 metri che domina il borgo. Il cuore cittadino però è la piazza Vittorio Emanuele II, abbellita dal listón in trachite grigia con inserti in pietra bianca, sull’esempio di piazza San Marco a Venezia.

Per chi ama le escursioni in bicicletta c’è il percorso del Fiumicello, una pista ciclabile con percorso vita che congiunge Montagnana al fiume Frassine.

Il maiale qui, è presente in numerosi piatti, a partire dalla “pasta e fasòi” con il battuto di lardo, da accompagnare con gli ottimi vini Merlara Doc.

Il prosciutto crudo dolce di Montagnana, lavorato e stagionato secondo la tradizione, ha un gusto dolce e morbido dovuto alla sapiente dosatura di sale. Apprezzato in abbinamento al melone, altro prodotto del territorio.

Borghetto

borghi più belli d'italia in venetoALTITUDINE m. 48-178 s.l.m. – ABITANTI 11.290 (160 nel borgo) Provincia di Verona

Borghetto sul Mincio, è un antico villaggio di mulini incorniciato da frutteti e castelli medievali, molto vicino al Lago di Garda. Il nome di origine longobarda significa insediamento fortificato.

Dai reperti archeologici rinvenuti nella valle, è stato evidenziato un influente insediamento risalente all’Età del Bronzo, sepolture dell’Età del Ferro ed alcuni reperti di età Etrusca.

La storia del borgo è quella di una importante zona di confine contesa da eserciti di fazioni opposte. Il guado del Mincio era il più comodo e sicuro a sud del Lago di Garda, e il fiume una barriera naturale tra le terre del mantovano e quelle del veronese, in una zona presa di mira da signorie ed eserciti: i Gonzaga, gli Scaligeri, i Visconti, la Serenissima di Venezia, l’Austria, la Francia.

Il Castello Scaligero dalla sommità della collina continua a dominare con le sue torri la Valle del Mincio, e da qui si può godere di un suggestivo panorama.

Una pista ciclabile lungo gli argini del Mincio collega Peschiera del Garda con Mantova, ed è possibile fare passeggiate a piedi e a cavallo lungo il fiume, pescare, e fare canottaggio.

Da non perdere il Parco Giardino Sigurtà, che si estende per 7km sul retro di Villa Maffei, fra prati, boschi e laghetti.

I tortellini di Valeggio ,al burro fuso e salvia o in brodo, sono il primo ideale, rigorosamente fatti a mano.

Qui il tortellino è chiamato nodo d’amore perché ricorderebbe il nodo di un fazzoletto di seta intrecciato da due amanti prima di gettarsi nel Mincio. Ottimi da gustare accompagnati dai vini Doc della zona, il Bianco di Custoza e il Bardolino.

San Giorgio di Valpolicella

borghi più belli d'italia in venetoALTITUDINE m. 392 s.l.m. – ABITANTI 11756 (356 nel Borgo) Provincia di Verona

San Giorgio si trova ai piedi delle colline della Valpolicella. Mano a mano che ci si avvicina, percorrendo una strada lunga e tortuosa, si scorgono le case che sorgono dalla roccia, la stessa pietra con cui sono state costruite. Una vera fortezza naturale.

Al centro del castrum la chiesa barbarico-romanica, risalente al VII-VIII secolo, il che ne fa uno dei luoghi di culto, tuttora utilizzati, più antichi di tutto il territorio Veronese.

Il Museo-Antiquarium, raccoglie i reperti della preistoria, dell’età del bronzo e del ferro e dell’età romana trovati nel paese e dintorni. Ha una sala dedicata ai fossili custoditi negli strati della pietra sedimentaria su cui San Giorgio stessa sorge. Nei dintorni numerose sono le cave di marmo e di pietra, attività principale sin dai tempi antichi.

Il borgo è collegato alle località circostanti da una rete di percorsi e sentieri praticabili a piedi.

I piatti che il Borgo offre sono vari: minestra di fàe (fave), paparele e fiagadini (tagliatelle in brodo con i fegatini), brasato all’Amarone, tortel con l’erba amara (frittata alle erbe), soppressa veronese (salame con l’aglio), pissota con l’oio o sulla gradela (focaccia dolce), brassadele (ciambelle dolci) e nadalin (dolce alle mandorle) – sosole e fritole di carnevale.

La presenza di ulivi e vigneti porta alla produzione di olio extra vergine di oliva e dei vini DOC e DOCG della denominazione Valpolicella: Amarone e Recioto, Valpolicella, Valpolicella Superiore e Ripasso.

Questi borghi, facilmente raggiungibili da Jesolo, sono solo alcune delle perle del Veneto, territorio poliedrico e meraviglioso, che offre la possibilità di spaziare dal mare della Laguna Veneziana, ai campi coltivati della pianura Padana, ai colli intrecciati di vigneti, ai paesaggi prealpini delle Dolomiti.

Visita il Veneto e i suoi borghi più belli

Se non vuoi perdere l’occasione di visitare i Borghi più belli d’Italia in Veneto, prenota un soggiorno con la tua famiglia a Jesolo, troverai tutte le informazioni per le escursioni vicino a Jesolo presso il nostro Hotel a Jesolo Pineta.

Non esitare a contattarci, saremo felici di darti maggiori informazioni su tutto il territorio veneto!

Inviaci un messaggio oppure chiamaci al nr. 0421 961331

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *